È strano.  Proprio adesso, durante la necessaria clausura, riemerge come richiamata da un sonno profondo la melodia ipnotica de “Les barricades mysterieuses” di F. Couperin.  E mi avvolge con forza instancabile in questo imprevisto frangente. Le barricate riappaiono si materializzano e ridisegnano confini che si moltiplicano all’infinito come in un mandala.

Il globo si allarga e ci ritroviamo soli. La distanza tra gli esseri umani si dilata. E i contatti si rarefanno. Ecco barriere reali e virtuali; eppure misteriosamente qualcosa di invisibile all’occhio umano trapela, si infila, si introduce vanificando l’utilità di qualsiasi ostacolo.  Ogni territorio ritorna a difendere la propria purezza: il tedesco dall’italiano, dal lombardo, dal romagnolo, dal campano, dall’irpino, dal piccolo comune che si protegge dal piccolo comune contiguo.

Barricate misteriose…

Maria Pia Amoresano, docente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *